☆ Storia della mia gente Author Edoardo Nesi – Realestatelawcenter.us

Storia della mia genteWinner Of The 2011 Strega Prize, This Blend Of Essay, Social Criticism, And Memoir Is A Striking Portrait Of The Effects Of Globalization On Italy S Declining Economy Starting From His Family S Textile Factory In Prato, Tuscany, Edoardo Nesi Examines The Recent Shifts In Italy S Manufacturing Industry Only One Generation Ago, Prato Was A Thriving Industrial Center That Prided Itself On Craftsmanship And Quality But During The Last Decade, Cheaply Made Goods Produced Overseas Or In Italy By Poorly Paid Immigrants Saturated The Market, Making It Impossible For Italian Companies To Keep Up In 2004 His Family Was Forced To Sell The Textile Factory How This Could Have Happened Nesi Asks, And What Are The Wider Repercussions Of Losing Businesses Like His Family S, Especially For Italian Culture Story Of My People Is A Denouncement Of Big Business, Corrupt Politicians, The Arrogance Of Economists, And Cheap Manufacturing It S A Must Read For Anyone Seeking Insight Into The Financial Crisis That S Striking Europe Today.

<PDF / Epub> ☆ Storia della mia gente Author Edoardo Nesi – Realestatelawcenter.us
  • Paperback
  • 178 pages
  • Storia della mia gente
  • Edoardo Nesi
  • 14 May 2017
  • 9781590516775

    10 thoughts on “ ☆ Storia della mia gente Author Edoardo Nesi – Realestatelawcenter.us


  1. says:

    Da quando mia figlia era adolescente ho preso l abitudine di discutere con lei delle mie letture Dopo un breve sunto mi piace commentare insieme a lei le riflessioni che la lettura mi ha indotto E stato un buon sistema per intrigarla nell a per la lettura, e anche ora che ci vediamo meno questo rituale non mai stato abbandonato Ma mi stupisco ogni volta che affronto un libro sull attualit , i saggi sulla crisi e sulla globalizzazione o il mondo che cambia vedere quanto lei, della generazione che non guarda i telegiornali, non ascolta la radio, e mangia con il computer acceso accanto, vederla cos informata, e accorgermi che ha idee avanti , rielaborate al fuoco dell esperienza giocata sulla propria pelle Generazione Erasmus che guarda a questo Paese come a un mondo piccolo, che fatica a andare oltre i propri mugugni, che arriva tardi a ogni appuntamento con la modernit , e a tratti la rinnega per rincorrere chi non fa altro che rimpiangere il passato e i privilegi di chi non vede pi in l del proprio piccolo interesse personale.Cos , durante un pranzo al ristorante cinese, le racconto di Storia della mi gente fresca delle riflessioni scatenate dalla lettura, ma mi accorgo di essere rimasta indietro, mentre lei si relaziona co...


  2. says:

    Una prosa veloce, che restituisce l inflessione toscana Un intuito pronto Rapide e brillanti associazioni d idee Una bella cultura, non appiccicata l di solito rara negli industriali e negli imprenditori Il tutto per una lettura godibile, scorrevole, e al tempo stesso appassionata, intensa, ricca di senso La societ sta cambiando e non da oggi Il punto di vista del piccolo imprenditore uno dei tanti, in questo marasma, e serve ugualmente a capire Completa il quadro Almeno nella testa di chi un quadro completo vuole realmente avere Perch non esiste una sola classe sociale E non solo una classe sociale patisce gli stravolgimenti che stanno centrifugando il sistema Italia Lo sappiamo bene tutti Anche se per campanile, stupidamente, lo tacciamo Molto di ci che qui si racconta appassionante e condivisibile, anche dal punto di vista sociale non solo da quello umano Soprattutto se si legge il libro depositando la tessera di appartenenza in un cassetto Da italiani Sottolineo ci , perch molte delle critiche negative che ho letto puzzavano di preconcetto E non erano guarda un po letterarie Dal punto di vista letterario, invece, a questo libro manca secondo me la quinta stellina , perch il testo alla fine si perde un po e la tensione cala Un peccato, dopo le prime...


  3. says:

    Ottima l idea di raccontare la storia dell azienda di famiglia come se fosse un romanzo Per in questo libro non si trova sviluppo alcuno dell idea All inizio pare un po sconnesso e inconsistente, in seguito la scrittura acquista piglio e carattere mi pare di capire che una parte di questa storia che l autore intendeva raccontare si possa trovare nel suo romanzo L et dell oro , e certo mi ripropongo di leggerlo Questo libro come una lunga prefazione, una serie di pensieri in libert , riflessioni e appunti, ricordi e citazioni, tra i quali si pu cogliere anche qualche cenno relativo alla storia dell azienda Sia nei i temi trattati n...


  4. says:

    Ho comprato il libro sull ondata del cla per la vittoria al premio Strega nonch per l interesse che sollevava in me il tema trattato.Dal mio punto di vista, Nesi il simbolo di tutto ci che c di sbagliato nell imprenditoria italiana.Gente che al posto di lottare e sforzarsi di evolvere verso una societ globalizzata, si indigna con lo Stato, con i giornalisti, con i cinesi e con tutto il mondo, ignorando totalmente gli sbagli fatti in prima persona.Ma senza addentrarmi troppo nell ambito economico, la cosa che mi infastidisce di pi in questo libro la falsit e l ipocrisia Nesi vuole ergersi a paladino dei piccoli imprenditori e degli operai, peccato che mentre loro stanno in mezzo alla strada, lui possa permettersi due tre martini in riva al mare.Non mi piace chi critica distruttivamente senza proporre soluzioni.Non mi piace chi scarica la colpa sugli altri per non fare autocritica.Non mi piace il messaggio che emerge Ai tempi vecchi si stava meglio.Se ai tempi vecchi si stava meglio si sarebbero dovute gettare le basi per quando sarebbero arrivate le difficolt perch prima o poi, nella vita di un impresa arrivano sempre e non chiudere gli occhi e godersela finch dura.Un altra cosa che mi manda in bestia la frase l illusione perduta del benessere diffuso in Italia.Il benessere diffuso che ha illuso le generazioni degli anni 80 e 90 proprio la causa della situazione precaria odierna.Il debito pubblico stratosferico che oggi ci ritroviamo a com...


  5. says:

    It is a very difficult book to rate with a number of stars, so let s elaborate what I like and don t like about it I don t like the irrelevant mentions of books the author has read and movies he has watched They have, at best, a very superficial relevance to the story being told Maybe the author wanted to impress us how cultivated he is I would prefer if he had written his literary and cinematic comments in a separate essay They fail to add to the mood as well, other than to emphasise the he is not really a business man but rather an author The point of views he expresses as being a victim of globalisation are the core of the narrative He is stuck in the idea that this could somehow have been prevented without ever in one sentence in the whole book sharing what that would have looked like The loss of the textile industry is no different from the loss of farmers to mechanisation of agriculture or of artisans to industrialization in previous generations Once again, there are no parallels drawn with those major restructuring of society The apparent reason seems to be that, although never stated, they are attributed to advancement of Western civilization, whereas these latest developments are due to the...


  6. says:

    Forte di esperienza specifica, personale e famigliare, Nesi racconta il grave declino dell industria tessile di Prato e di molti altri settori dell industria italiana , conseguente soprattutto alla mancanza di regole e di governo del nuovo mercato globale Lo fa, Nesi, con una narrazione stilisticamente spigliata, carica di passione e di rabbia, in qualche passaggio forse appena un po saccente La rabbia, in ogni caso, ben motivata per la piega drammatica e irreversibile degli eventi, per le carenze e gli errori della gestione politica della crisi, per la posizione assunta pervicacemente da economisti dal grande pensiero teorico ma poco attenti agli esiti pratici delle dinamiche in corso una rabbia dall insorgenza improvvisa, per esempio, alla lettura, in un editoriale del Corriere della Sera, delle par...


  7. says:

    Bellissimo titolo, Storia della mia gente, che non rispecchia affatto il contenuto, che in realt Storia di Edoardo Nesi, dei suoi pensieri, delle sue azioni, delle sue intenzioni, con un pizzico di autocelebrazione qua e l e ogni tanto un po di considerazioni su come la globalizzazione e i cinesi e i liberisti hanno...


  8. says:

    IrritanteAvvertenza certi passaggi sono come lana 100% vergine su pelle nuda se avete la pelle delicata, meglio indossare del cotone alias, leggere altro.Ho dovuto affrontare questo libro per dovere una professoressa mi ha chiesto di approfondire il tema dei cinesi in Italia Fa il nome di Nesi, dice Ha vinto il premio Strega qualche anno fa Un ex industriale, divenuto poi parlamentare Il profilo gi non mi ispira, ma non voglio partire prevenuta.Cosa c di peggio di un ex industriale che si reinventa politico Un ex industriale, futuro politico, per passione scrittore E che si sente un grande scrittore e intellettuale, per di pi , costretto a fare l industriale mentre il suo sogno nel cassetto essere Fitzgerald o Wallace Ma i soldi di pap per bersi Martini a Forte dei Marmi gli sono sempre piaciuti, per fortuna pap vende lana ai tedeschi Poi le cose cambiano, la globalizzazione imperversa, i cinesi vengono a farci le scarpe letteralmente e il giovane industriale scrittore costretto a chiudere l azienda Per carit , non sto a entrare nel merito del dramma di vendere l ...


  9. says:

    Ciao Nesi, non mi riconosci Sono il direttore di banca di pagina 20, quello da cui, intorno al 1990, andavi a contrattare i tassi d interesse, quel tuo coetaneo convinto come te di essere destinato ad una luminosa carriera.Intanto congratulazioni per lo Strega, davvero un gran colpo di coda dopo l uscita dall azienda A me non andata altrettanto bene prima mi toccato piazzare polizze index e derivati, adesso sto arrancando con l ennesima colletta pardon aumento di capitale per salvare la poltrona ai miei dirigenti.Ti confesso, forse non ero proprio direttore e non ero nemmeno in quell agenzia, ma certamente stavo in provincia a farmi le ossa e, nella tua descrizione, mi sono riconosciuto in pieno.Che dirti dopo questi vent anni Una certezza l era del decollo industriale italiano 1945 1990 ci ha regalato un progresso che non ha precedenti negli ultimi 500 anni di storia e difficilmente si ripeter in futuro Un altra certezza il ruolo di protagonisti di questi anni spetta alla miriade di piccoli imprenditori, partiti dal nulla, che hanno trascinato l intera societ fuori da povert e sottosviluppo.Detto questo, si sente forte il bisogno di una g...


  10. says:

    Sono figlia di un operaio, uno di quelli che, come dice Nesi lavorano per vivere e non vivono per lavorare Uno di quelli che a 60 anni ne aveva 15 quando ha iniziato ha smesso di lavorare e grazie ai contributi da lui versati per una vita andato in pensione Non ha fatto l imprenditore, non ha sfruttato il lavoro di altri per il proprio profitto, non ha venduto l azienda mandando a casa gli operai e riuscendo poi a vivere di rendita o sempre come dice Nesi scrivendo libri Ma siamo proprio sicuri dell onest e trasparenza di questi imprenditori pratesi Siamo proprio sicuri che siano stati rovinati dalla concorrenza cinese Oppure non hanno voluto capire che per sopravvivere, volendo, si dovesse solo rinunciare a parte del guadagno Ho i miei dubbi che la strada giusta fosse quella di evitare la concorrenza di altri, mantenendo inalterato il monopolio italiano sui tessuti che forse sono di qualit migliore...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *